Sogni d’estate

30.05.2005

scivolare
sul mare placido
sospinto
da una calda
e pacata corrente

cullato
dall'abbraccio
di un sole pietoso
procedere
sicuro
della meta
e del viaggio

vagare così
per chissà
quanti anni
ancora
e quanti sogni

confondendo
la notte
col giorno

il mare
con la mia anima

oltrepassare
l'orizzonte
della mia vita

e perdermi
lì dove l'acqua
si unisce
al cielo

nel ricordo
del tuo viso

Sogni d’estateultima modifica: 2005-05-30T22:45:18+02:00da gilgamesh1977
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento