13.07.2006 – Notturna d’estate

Inesorabilmente luna tu, piena di luce in questa mia vita di tenebre ammantata di sogni infranti a rischiarare un poco l’esile traccia chiamata Destino placida riposi nello scorrere lento di questa notte infinita ed io miro il tuo volto e quello chiaro e quello nascosto e scopro che di te amo anche il lato oscuro come la notte indissolubilmente unita … Continua a leggere

Di ritorno da Potenza…

S’indorano le messi argillosi i campi imbruniscono di sterpi bruciate volano basse le rondini il pasto è abbondante sulla madre terra vecchi casolari abbandonati osservano placidi il nostro incedere lento l’arsura diviene colla sul palato stille d’acqua agognate a placare un’indomita sete sussulto dopo sussulto procede la carrozza in queste ultime ore di primavera ormai s’approssima l’odore e la vista … Continua a leggere

Tranquillo… (24.05.2006)

adagiato al tuo fianco quest’attimo di gioia estate che avanza prepotentemente obliati i ricordi i mali i rimpianti tutto è un sorriso che si allarga all’infinito ogni cosa vibra ai miei occhi di te per te potesse quest’attimo essere il principio ed il fine di ogni mio respiro potesse quest’attimo vivere eterno intriso d’amore… quest’Amore

Pochi versi…

Non ho smesso di voler scrivere… solo ho preferito vivere la mia nuova vita… accanto alla persona che amo… talvolta si perde il conto delle ore, dei giorni… perfino dei mesi, se il cuore è in subbuglio. Ora è un attimo di quiete e volentieri… riprendo questa penna virtuale nella mia mano: placido volo su verdi colline grevi di primavera … Continua a leggere

Artic

Il mare insinuava le sue dita nella nuda roccia. Da migliaia di anni. Aveva scavato e vinto con la costanza la durezza della materia creando il fiordo. Alla fine del fiordo era un banco di sabbia sottile ed un sentiero naturale portava fin lì dall'alto.Egli era lì, accovacciato sulla nuda spiaggia, il capo poggiato alle ginocchia, che stringeva al petto … Continua a leggere

Sogno indiano…

Tramonto. Il sole infuoca tutto il mondo. La terra e il cielo uniti in un'unica fiamma. Sul baratro del canyon sente spirare il vento. Un vento forte che viene da lontano. Un vento sovrannaturale.Un anziano indiano seduto a gambe incrociate, un fuoco ed una litania si propaga nell'aria da tempo indefinito. Egli guarda il fumo volteggiare, fare curve, capriole e … Continua a leggere

Riflessioni su Marquez

Marquez…Un autore che adoravo già per 'Cent'anni di solitudine', per quel suo modo di descrivere i luoghi, le persone, i sentimenti.Descrivere un luogo ameno e persone avulse dallo scorrere dei grandi eventi, farmi sentire con loro, fra loro… l'impressione che il tempo fosse compartecipe spettatore di tali esistenze…come se il mondo non esistesse, come se tutto fosse solo quell'isola né … Continua a leggere

Notte, quando le stelle sognano

E' nottee le stellea sovrastarmi il caposul morbido giacigliointessuto d'infinitodormienti…ascolto il loro respirolento e costantecome morbido frangersid'onde di oceani perdutisu scogliere a picco…attimo dopo attimotrema la mia animain un sussultoche non è terrorenon è dolore…forse è soloil ricordo di un visouno sguardouna vocemi è dolce,una carezza al cuorefra le mie sorelleio pongo il mio segretodalle ceneri rinascel'antica fenice…

06.09.2005

Mai perdere la speranza. La vita riserva sempre sorprese e non sempre queste sono negative. Talvolta qualcosa di bello accade, di trovare qualcuno che renda una giornata meno anonima, quasi felice.Sarà l'ingenuità, sarà la mia innata stoltaggine… Ma scoprire, di tanto in tanto, che le persone cosiddette 'speciali' non sono poi così introvabili, che può bastare una serata improvvisata e … Continua a leggere